• 2 Febbraio 2023

ManpowerGroup Employment Outlook Survey – Lieve rallentamento delle prospettive occupazionali

 ManpowerGroup Employment Outlook Survey – Lieve rallentamento delle prospettive occupazionali

Occupazione: lieve rallentamento delle previsioni di assunzione in Italia +10% per il primo trimestre 2023, -3% sul trimestre precedente

  • Le grandi aziende sopra i 250 lavoratori le più ottimiste sulle assunzioni (+12%), mentre le micro imprese sotto i 10 dipendenti prevedono un trimestre di stabilità (+2%)
  • I settori con migliori previsioni d’assunzione sono Energia (+25%) e Information Technology (+20%)

L’indagine “ManpowerGroup Employment Outlook Survey” sulle prospettive occupazionali per il primo trimestre dell’anno indica come i datori di lavoro italiani prevedano assunzioni in crescita, con una previsione netta di occupazione (NEO – Net Employment Outlook) del +10%, al netto degli aggiustamenti stagionali. Pur positive, le previsioni mostrano un calo del clima di fiducia sia rispetto al trimestre ottobre-dicembre 2022, dove erano pari a +13%, sia a confronto del primo trimestre dell’anno appena trascorso, in cui le prospettive d’assunzione avevano raggiunto il valore record del +29%, in seguito al rimbalzo post-pandemico. I più ottimisti sono i datori di lavoro del comparto energetico (+25%), dell’information technology (+20%) e dell’industria (+15%).

“I datori di lavoro italiani mostrano una forte resilienza di fronte alla difficile congiuntura economica internazionale, continuando a credere nel futuro e ad investire in nuove assunzioni, ancorché in misura minore rispetto all’ultimo trimestre del 2022”, commenta Anna Gionfriddo, Amministratrice Delegata di ManpowerGroup Italia. “Rimane elevata la richiesta di figure tecnologiche e specializzate. In particolare, il momento peculiare dei mercati energetici richiederà un’importante iniezione di talenti nelle aziende italiane del comparto, anche sotto la spinta dei fondi del PNRR ad esso dedicati, facendone il settore trainante del trimestre appena iniziato”.

Confronti regionali: nel Nord Ovest le aziende più ottimiste

Nel primo trimestre dell’anno, i datori di lavoro di tutte le quattro macro aree italiane prevedono di aumentare i propri organici. In particolare le aziende del Nord Ovest si dimostrano addirittura più ottimiste ora che nel precedente periodo analizzato: prospettive d’assunzione a +12%, mentre erano +9% per l’ultimo trimestre del 2022. Più cauti invece i datori di lavoro del resto del Paese: previsioni a +9% per il Nord Est e a +8% per il Sud e le Isole e una prospettiva di sostanziale stabilità per il Centro con +3%.

Confronti settoriali: il settore energetico e le IT trainano le assunzioni, “crollano” i trasporti

Il settore dell’energia prevede +25% di assunzioni tra gennaio e marzo. Segue a poca distanza quello dell’IT con +20%. Positive anche le prospettive per l’Industria (+15%), per Consumer Goods e i servizi (+12%) e per la Finanza e Immobiliare (+11%). Stabile il settore dei Servizi per la comunicazione, mentre un leggero calo è previsto per Sanità e Life Sciences (-1%). Dalla ricerca MEOS emerge inoltre una diffusa preoccupazione per le prospettive nel trimestre del comparto Trasporti, Logistica e Automotive che registra un -17% di previsioni d’assunzione.

Confronti dimensionali: previsioni positive ma le aziende frenano rispetto al periodo precedente

Le prospettive di occupazione migliori sono previste dalle grandi aziende (+12%), e da quelle di piccole dimensioni con +11%. Positive anche le prospettive per le medie aziende (+9%), mentre rimarranno più o meno stabili per le micro aziende (+2%). Quasi tutte le organizzazioni prevedono un clima occupazionale in calo rispetto alla fine dello scorso anno: in rapporto al quarto trimestre del 2022, infatti, la flessione è del -7% per le grandi imprese, -6% per le micro, -5% per le medie. Soltanto le piccole aziende vanno in controtendenza e migliorano del 5% le previsioni rispetto al precedente trimestre.

Confronto globale: l’occupazione in Europa cresce meno della media mondiale

Mentre l’impatto di una potenziale recessione e l’aumento dell’inflazione smorzano le prospettive di assunzione su base trimestrale e annuale, i datori di lavoro continuano a cercare nuovi talenti, registrando una previsione netta di occupazione del +23% a livello globale. Le intenzioni di assunzione migliori per il prossimo trimestre si registrano nella regione Nord America (+31%) e nel Sud e Centro America (+28%), con le migliori previsioni per Panama (+39%) e Costa Rica (+35%). I datori di lavoro in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) prevedono assunzioni in crescita (+18%), ma questa è anche l’unica regione con Paesi che riportano dati previsionali negativi: Ungheria (-8%) e Polonia (-2%). A livello globale, i ruoli digitali (IT, Tecnologia, Telecomunicazioni, Comunicazioni e Media) continuano a guidare la domanda (35%), seguiti da quelli del settore Banche, Finanza, Assicurazioni e immobiliare (+28%) e dal settore energetico (+26%).

LO STUDIO

ManpowerGroup ha intervistato oltre 38mila aziende in 41 Paesi e territori per rilevare le intenzioni di assunzione per il primo trimestre 2023.

L’indagine sulle prospettive occupazionali di ManpowerGroup è la più completa e innovativa indagine sull’occupazione del suo genere, considerata a livello mondiale come un indicatore economico chiave. Le prospettive occupazionali nette sono ricavate tenendo conto della percentuale di datori di lavoro che prevedono un aumento dell’attività di assunzione e sottraendo da questa la percentuale di datori di lavoro che prevedono una diminuzione dell’attività di assunzione.

La prossima indagine sarà pubblicata a marzo 2023 e riporterà le aspettative di assunzione per il secondo trimestre dell’anno.

È possibile scaricare l’indagine integrale al seguente link: https://www.manpowergroup.it/Previsioni-ManpowerGroup-Occupazione—Primo-Trimestre-2023

Leggi anche