• 12 Luglio 2024

Lavori del futuro, uscito il rapporto del World Economic Forum

 Lavori del futuro, uscito il rapporto del World Economic Forum

Il Forum Economico Mondiale è un’organizzazione internazionale per la cooperazione tra pubblico e privato che si impegna a migliorare lo stato del mondo.

Il Forum incoraggia la maggior parte dei dirigenti politici, aziendali e di altri enti a dare forma a programmi mondiali, regionali e di settore.

L’ente ha recentemente pubblicato il rapporto sul futuro dell’occupazione, che traccia una mappa dei lavori e delle competenze del futuro, seguendo il ritmo del cambiamento. Questa è la quarta edizione del rapporto, lanciato per la prima volta nel 2016.

L’obiettivo è analizzare come le macrotendenze e l’adozione di tecnologie possano riconfigurare i mercati del lavoro e plasmare la domanda di posti di lavoro e di competenze nel periodo 2023-2027.
L’indagine sul futuro dell’occupazione raccoglie il punto di vista di 803 aziende – che impiegano complessivamente oltre 11,3 milioni di lavoratori – in 27 distretti industriali e 45 economie di tutte le regioni del mondo.

Il rapporto è uscito in contemporanea con The Growth Summit 2023 – Jobs and Opportunity for All: il convegno si svolge nelle giornate del 2 e del 3 maggio a Ginevra presso la sede del World Economic Forum e riunisce imprese, governi, società civile, organizzazioni internazionali e leader accademici del settore. Il Summit mira a far avanzare le opportunità future e ad affrontare le sfide attuali attraverso la collaborazione e l’innovazione.

Numeri e tendenze dei lavori del futuro

Il rapporto del WEF suggerisce che quasi un quarto dei posti di lavoro (23%) è destinato a cambiare nei prossimi cinque anni, con una crescita del 10,2% e un calo del 12,3%. Secondo le stime delle aziende intervistate per il rapporto, i datori di lavoro prevedono la creazione di 69 milioni di nuovi posti di lavoro e l’eliminazione di 83 milioni tra i 673 milioni di posti di lavoro corrispondenti alla serie di dati, con una diminuzione netta di 14 milioni di posti di lavoro, pari al 2% dell’occupazione attuale.
Le macrotendenze, tra cui la transizione verde, gli standard ESG e la localizzazione delle catene di approvvigionamento, sono i principali motori della crescita occupazionale, mentre le sfide economiche, tra cui l’inflazione elevata, il rallentamento della crescita economica e le carenze di approvvigionamento, rappresentano la minaccia maggiore. Il progresso nell’adozione della tecnologia e la crescente digitalizzazione causeranno un significativo ricambio nel mercato del lavoro, con un effetto positivo complessivo sulla creazione di occupazione.

I nuovi ruoli spinti dallo sviluppo della tecnologia
Sebbene la tecnologia continui a porre sfide e opportunità ai mercati del lavoro, i datori di lavoro si aspettano che la maggior parte delle tecnologie contribuisca positivamente alla creazione di occupazione.

I ruoli in più rapida crescita sono spinti dalla tecnologia e dalla digitalizzazione. I big data sono al primo posto tra le tecnologie destinate a creare posti di lavoro, con il 65% degli intervistati che prevede una crescita occupazionale nei ruoli correlati. Si prevede che l’occupazione di analisti e scienziati dei dati, specialisti dei big data, specialisti dell’apprendimento automatico dell’intelligenza artificiale e professionisti della sicurezza informatica crescerà in media del 30% entro il 2027. La formazione dei lavoratori all’utilizzo dell’IA e dei big data sarà la priorità del 42% delle aziende intervistate nei prossimi cinque anni, dopo il pensiero analitico (48%) e il pensiero creativo (43%). Il commercio digitale porterà ai maggiori incrementi assoluti di posti di lavoro: si prevedono circa 2 milioni di nuovi ruoli incentrati sul digitale, come specialisti dell’e-commerce, specialisti della trasformazione digitale e specialisti di marketing e strategia digitale.
Allo stesso tempo, anche i ruoli in più rapida diminuzione sono spinti dalla tecnologia e dalla digitalizzazione, con i ruoli impiegatizi o di segreteria, tra cui sportellisti di banca, cassieri e addetti all’inserimento dati, che dovrebbero diminuire più rapidamente.
Il rapporto 2023 sul futuro dell’occupazione suggerisce che le mansioni non sono considerate più automatizzate di quanto non lo fossero tre anni fa, quando il rapporto è stato pubblicato per l’ultima volta. Circa un terzo delle mansioni (34%) è attualmente automatizzato, appena l’1% in più rispetto al 2020. Le aziende intervistate inoltre hanno rivisto al ribasso le loro aspettative di ulteriore automazione, passando al 42% delle mansioni entro il 2027, rispetto alle stime del 2020 che prevedevano che sarebbe stato automatizzato il 47% delle mansioni entro il 2025.
Tuttavia, mentre le aspettative circa lo spostamento del lavoro fisico e manuale operato dalle macchine sono diminuite, il ragionamento, la comunicazione e il coordinamento – tutte caratteristiche con un vantaggio comparativo per gli esseri umani – dovrebbero essere più automatizzabili in futuro.
L’intelligenza artificiale, uno dei fattori chiave del potenziale spostamento algoritmico, dovrebbe essere adottata da quasi il 75% delle aziende intervistate e si prevede che porterà a un elevato ricambio, con il 50% delle organizzazioni che si aspetta che ciò creerà una crescita dell’occupazione e il 25% che prevede invece che causerà perdite di posti di lavoro.

Crescono i posti di lavoro nel settore verde, dell’istruzione e dell’agricoltura
Gli investimenti nella transizione verde e nella mitigazione dei cambiamenti climatici, così come la crescente consapevolezza dei consumatori sui temi della sostenibilità, stanno guidando la trasformazione dell’industria e aprendo nuove opportunità nel mercato del lavoro. I maggiori effetti netti di creazione di posti di lavoro sono attesi dagli investimenti che facilitano la transizione verde delle imprese, come previsto da oltre la metà degli intervistati. Poiché i Paesi cercano di incrementare le fonti di energia rinnovabile, i ruoli di ingegnere delle energie rinnovabili e di ingegnere di installazione e dei sistemi di energia solare saranno molto richiesti.
Gli investimenti favoriranno anche la crescita di ruoli più generalisti nel campo della sostenibilità, come gli specialisti della sostenibilità e i professionisti della protezione ambientale, per i quali si prevede una crescita rispettivamente del 33% e del 34%, che si tradurrà in una crescita di circa 1 milione di posti di lavoro.
Tuttavia, i maggiori incrementi assoluti di posti di lavoro verranno dall’istruzione e dall’agricoltura. Il rapporto rileva che l’occupazione nel settore dell’istruzione dovrebbe crescere di circa il 10%, portando 3 milioni di posti di lavoro in più per gli insegnanti di formazione professionale e i docenti universitari e di istruzione superiore. Si prevede che i posti di lavoro per i professionisti dell’agricoltura, in particolare gli operatori di macchine agricole, i selezionatori e i cernitori, registreranno un aumento del 15%-30%, con un conseguente aumento di 4 milioni di posti di lavoro.
Indeed, una società di Recruit Holdings, rileva che, sebbene la domanda di lavori sociali, come quelli in ambito sanitario e dell’istruzione, sia cresciuta più rapidamente durante la pandemia, i posti vacanti in questi settori sono più difficili da coprire rispetto ad altri.

Formazione e riqualificazione sono sempre più urgenti

Le aziende segnalano che le lacune nelle competenze e l’incapacità di attrarre talenti sono i principali ostacoli alla trasformazione, evidenziando una chiara necessità di formazione e riqualificazione in tutti i settori. Sei lavoratori su 10 avranno bisogno di formazione prima del 2027, ma si ritiene che oggi solo la metà dei dipendenti abbia accesso a opportunità di formazione adeguate. Allo stesso tempo, il rapporto stima che, in media, dovrà essere aggiornato il 44% delle competenze di un singolo lavoratore.
Il divario tra le competenze dei lavoratori e le future esigenze delle imprese impone alle aziende e ai governi di creare opportunità di apprendimento e riqualificazione. Secondo il 45% delle imprese intervistate, i finanziamenti governativi per la formazione delle competenze aiuterebbero a collegare i talenti all’occupazione.
Ad esempio, mentre negli ultimi quattro anni si è registrata una continua crescita dei lavori verdi, come indicato da un’ulteriore ricerca condotta da LinkedIn per il rapporto di quest’anno, la riqualificazione e l’aggiornamento delle competenze verdi non tengono il passo.
«La crescita sostenuta dei posti di lavoro verdi è davvero un’ottima notizia, in particolare per chi cerca lavoro e si trova ad affrontare le turbolenze del mercato del lavoro», ha dichiarato Sue Duke, responsabile delle politiche pubbliche globali di LinkedIn. «Ma i dati di LinkedIn dimostrano chiaramente che, sebbene ci sia una forte domanda di talenti con competenze verdi, le persone non stanno sviluppando competenze verdi a un ritmo sufficientemente veloce per raggiungere gli obiettivi climatici. C’è l’opportunità per tutti di contribuire a ribaltare la situazione. I governi devono sostenere l’agenda delle competenze verdi e le imprese possono e devono fare di più per dotare i propri dipendenti delle competenze necessarie per realizzare un vero cambiamento ambientale.»
In risposta alla crisi del costo della vita, il 36% delle aziende riconosce che offrire salari più alti potrebbe aiutarle ad attrarre talenti. Tuttavia le aziende stanno pianificando di combinare investimenti e spostamenti per rendere la propria forza lavoro più produttiva ed efficiente dal punto di vista dei costi. Quattro aziende su cinque tra quelle intervistate prevedono di investire nell’apprendimento e nella formazione sul posto di lavoro e nell’automazione dei processi nei prossimi cinque anni. Due terzi delle aziende si aspettano di vedere un ritorno sull’investimento nella formazione delle competenze entro un anno dall’investimento, sotto forma di una maggiore mobilità tra i ruoli, di una maggiore soddisfazione dei lavoratori o di una maggiore produttività dei lavoratori.
Le forti capacità cognitive sono sempre più apprezzate dai datori di lavoro, a testimonianza della crescente importanza della risoluzione di problemi complessi sul posto di lavoro. Le competenze più importanti per i lavoratori nel 2023 sono considerate il pensiero analitico e il pensiero creativo, e si prevede che tale risultato rimanga invariato anche nei prossimi cinque anni. L’alfabetizzazione tecnologica, e in particolare l’intelligenza artificiale e i big data, diventeranno sempre più importanti e le strategie aziendali in materia di competenze si concentreranno su questo aspetto nei prossimi cinque anni.

 

 

Leggi altri articoli: Economia

Giulia Baglini

Giulia Baglini, giornalista.

ADV

Leggi anche