• 13 Luglio 2024

Il Museo del Vino Marsala

 Il Museo del Vino Marsala

Il Museo del Vino Marsala: un viaggio esperienziale nel mondo di uno dei più famosi vini al mondo

Un percorso sensoriale ed emozionale, ma anche ricco di contenuti tematici e informativi, attraverso il mondo del vino Marsala, la sua storia e i suoi mille significati simbolici legati al territorio in cui è nato. È quanto propone il Marsala Wine Museum, inaugurato lo scorso 12 maggio a Marsala, in Sicilia Occidentale, nella città da cui ha preso il nome.

Intitolato a John Woodhouse – l’imprenditore inglese che nel lontano 1773 ebbe l’intuizione di produrre e commercializzare il vino Marsala in varie parti del mondo – il museo è stato allestito all’interno dello storico Palazzo Fici, nel cuore del centro storico, in un’area di circa 400 mq sviluppata su due livelli: al piano terra sono situati la biglietteria-foyer, il gift shop e la sala conferenze, mentre il piano primo è dedicato al vero e proprio percorso esperienziale.

Questo ultimo è stato, in particolare, concepito come uno spazio multimediale interattivo, innovativo e in continua evoluzione, dotato di pannelli multimediali e touchscreen da cui poter visionare filmati ed immagini, informazioni e notizie su uno dei più famosi vini liquorosi nel mondo.

Al momento – ma i contenuti proiettati sono stati pensati per essere continuamente aggiornati e arricchiti – sono tre i video che, in sequenza, vengono proiettati al pubblico: nel primo si racconta la storia e la cultura del vino nel Mediterraneo, per poi passare a quella di John Woodhouse rappresentata da un’animazione cartonata elaborata da Marco Rallo e, infine, alla storia del vino Marsala vera e propria, fino al 1960 circa, anno in cui nacque il Consorzio dedicato.

Nella seconda sala, due schermi giganti – uno sulla parete e uno sul pavimento – proiettano invece i video racconti dello sviluppo del territorio grazie alla produzione e alla commercializzazione del vino Marsala.

Il museo non museo – così come è stato pensato dai progettisti Giuseppe e Maurizio Giammarinaro – presenta inoltre uno spazio dedicato alla biblioteca tecnica sul vino e un’esposizione di targhette storiche del Marsala, di due manifesti storici e di oggettistica dedicata. Una raccolta di etichette, manifesti e gadgets è inoltre presentata ai visitatori in formato digitale.

C’è anche un’area dedicata ai sensi, in cui il visitatore può sperimentare odori e colori del Marsala, e giocare a scoprire il proprio Marsala preferito con il gioco “di che Marsala sei?”.

Gestito dall’amministrazione comunale, il Marsala Wine Museum vede il coinvolgimento di diverse cantine del territorio, in particolare di quelle del Consorzio Vino Marsala e di quella de La Strada del Vino Marsala. A proposito, all’interno di Palazzo Fici, dove da anni opera anche l’enoteca comunale, è possibile degustare una vasta selezione di circa 60 etichette, comprese alcune riserve storiche, grazie a un sistema di dispenser a temperatura controllata.

Una sala del museo è stata intitolata a Marisa Leo, la trentanovenne salernitana manager nel settore vinicolo vittima di femminicidio. Nella sala l’artista Fabio Ingrassia ha realizzato un murale a lei dedicato con la scritta “la mia essenza non è merce di scambio”, citazione della donna.

ORARI E COSTI VISITE

Il Museo rimarrà aperto dal martedì alla domenica con orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Il lunedì chiusura totale così come avverrà a Pasqua, Lunedì dell’Angelo, Ferragosto, Natale, Santo Stefano e Capodanno. Le tariffe regolari d’ingresso saranno di 3 euro per i residenti e di 5 euro per i non residenti. Quella ridotta di 1,50 euro.

Inoltre è previsto l’ingresso gratuito per i bambini fino a 6 anni, le persone con disabilità, i Minori fino a 18 anni con genitore/i paganti (biglietto famiglia), i Soci I.C.O.M. con tessera di riconoscimento, le Guide turistiche munite di patentino ufficiale, i giornalisti e pubblicisti muniti di tesserino, i tour operator, coloro che, singoli o in gruppo, effettuino attività di promozione turistico/culturale del Museo e/o del Territorio nonché per le delegazioni ufficiali in visita istituzionale ospiti dell’amministrazione comunale.

La Tariffa Ridotta verrà invece applicata per le scolaresche, i gruppi di almeno 10 persone compreso accompagnatore, i visitatori fino a 25 anni, quella di età superiore a 65 anni, i giovani in servizio civile, gli accompagnatori di persone con disabilità, le associazioni ed enti convenzionati e i dipendenti del comune di marsala muniti di tesserino (per un massimo di n. 2 visite l’anno). Inoltre, sono previste agevolazioni attraverso il biglietto famiglia per i gruppi familiari composti da uno/due genitori con figli fino a 18 anni, l’ingresso per i figli è gratuito.

Leggi altro dai territori

Pamela Giampino

Giornalista

ADV

Leggi anche