• 20 Giugno 2024

Economia, Aidda: “L’Ue si deve dotare di una strategia industriale”

 Economia, Aidda: “L’Ue si deve dotare di una strategia industriale”

A Roma l’incontro “Le eccellenze Made in Italy: un ‘dono’ per l’Europa” organizzato dall’associazione delle donne imprenditrici e rappresentanti europei. Premiata Annalisa Cuzzocrea. La presidente Giachetti: “Sostegno alla natalità e al lavoro femminile le priorità italiane”

Si è svolto a Roma l’incontro tra Aidda, l’Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti di Azienda, e i rappresentanti dell’Unione Europea. Un appuntamento dal titolo “Le eccellenze Made in Italy: un ‘dono’ per l’Europa” che si è svolto a nello Spazio Europa, sede del Parlamento Europeo a Roma, con la partecipazione della rettrice della Scuola Sant’Anna di Pisa Sabina Nuti.

“Il senso dell’evento di ieri – dice la presidente di Aidda Antonella Giachetti – è che come Aidda vogliamo dare il nostro contributo alla costruzione di un futuro per le aziende ed eccellenze italiane. Siamo assolutamente convinte che solo filiere produttive territoriali, sane e vitali, possano garantire una prosperità diffusa e allo stesso tempo ridurre le disuguaglianze create negli ultimi decenni da una globalizzazione spinta, non regolata. In questo senso la dimensione europea è la sola dove le grandi sfide contemporanee possono essere affrontate, ma l’Ue deve fare un cambio di passo passando dal focus sulla regolamentazione della concorrenza interna alla costruzione di una strategia per un’industria europea che sia competitiva nel mondo”.

“Se guardo all’Italia – continua Giachetti – vedo due priorità tra loro legate: servono politiche forti e innovative sulla natalità, perché oggi purtroppo molti guardano con preoccupazione alla prospettiva di avere un figlio, che invece è un dono non solo a se stessi ma a tutta la società; e bisogna sostenere il lavoro femminile introducendo una maggiore elasticità, non penso al part time ma proprio a forme nuove di gestione del tempo lavoro, cosa di cui peraltro le donne sono già capaci”.

Durante l’appuntamento si è tenuta anche un tavola rotonda con associate e presidente regionali di Aidda da più parti dell’Italia per un confronto sulle condizioni e il futuro delle imprese femminili nel Paese: hanno partecipato Barbara Bertocci (socia Aidda Toscana), Matilde Bocca Salvo (consigliera nazionale Aidda), Lucina Cellino (presidente Aidda Sardegna), Edy Dalla Vecchia (past president Veneto Trentino Alto Adige), Giulia Kropf (socia Aidda Friuli Venezia Giulia) e Valeria Messina (socia Aidda Sicilia).

A seguire è stato consegnato il Premio Aidda Nazionale alla giornalista Annalisa Cuzzocrea “per aver saputo raccontare le tante diverse accezioni di “comunità” nel nostro Paese – si legge nella motivazione – facendo emergere con chiarezza cosa succede quando una società perde il senso della necessità della dimensione della cura come criterio guida delle decisioni politiche”. Infine sono state premiate le giovani associate Aidda.

Leggi anche “Open innovation

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche