• 15 Aprile 2024

CFO Report 2024 di FTI Consulting

 CFO Report 2024 di FTI Consulting

CFO Report 2024 di FTI Consulting: nonostante un contesto economico sfidante, i CFO prevedono un trend di crescita per l’anno in corso

I Chief Financial Officer prevedono una crescita nei prossimi 12 mesi, nonostante l’inflazione rimanga comunque la principale sfida da affrontare, secondo i risultati di una nuova survey condotta dall’Office of the CFO Solutions (“OCFO”) di FTI Consulting, in collaborazione con CFO Dive.

Tra gli intervistati si registra un crescente ottimismo sulla ripresa dell’economia globale, con quasi tre quarti (74%) dei rispondenti che dichiarano di aspettarsi una crescita a doppia cifra nel 2024 ed il 33% del campione esaminato che anticipa una crescita superiore al 30%.

L’indagine ha coinvolto più di 375 CFO in Europa, Medio Oriente e Africa (“EMEA”), Nord America, Asia e Australia per identificare le loro priorità strategiche del 2024:

Aumento delle pressioni legate alla competitività

L’inflazione rimane la preoccupazione principale per il 76% degli intervistati, con un picco pari all’85% tra i CFO dell’area EMEA, mentre a livello globale il 74% ritiene che l’aumento della pressione competitiva rappresenterà un rischio considerevole per le loro aziende, anche considerando la possibilità che i concorrenti possano rinunciare a parte dei margini per conservare o guadagnare mercato.

L’attuale contesto competitivo potrebbe inoltre indurre le aziende a privilegiare una logica di guadagni a breve termine a discapito di una redditività di lungo periodo. Tuttavia, questo approccio può portare a decisioni che, seppur vantaggiose nell’immediato, potrebbero compromettere la stabilità futura di una società, soprattutto qualora il contesto economico subisse dei cambiamenti.

Perfezionamento delle previsioni, investimenti nella finance technology e nell’automazione, incremento dei livelli di efficienza interna

L’84% degli intervistati concorda sulla necessità di migliorare l’accuratezza delle metodologie di previsione all’interno delle loro organizzazioni per agevolare la definizione delle priorità e fornire un supporto nell’allocazione di capitali e risorse per le iniziative strategiche.

Gli investimenti nelle tecnologie finanziarie e nell’automazione sono stati identificati come l’area di miglioramento principale dall’86% degli intervistati, nonostante diversi CFO ammettano che la mancanza di budget e competenze in questi ambiti rappresentino dei forti ostacoli alla crescita.

Nell’area EMEA, il 90% dei CFO intervistati ritiene che le tecnologie finanziarie e l’automazione dei processi necessitino di miglioramenti. Infatti, quasi la totalità dei CFO (95%) ritiene che processi manuali e troppo complessi abbiano attualmente un impatto negativo sulla loro organizzazione finanziaria.

Eliminando o riducendo i processi manuali attraverso l’innovazione, i CFO possono ottenere significativi risparmi sui costi, consentendo di ridistribuire le risorse in aree strategiche quali iniziative di crescita, ricerca e sviluppo.

Competenze finanziarie e gestione delle risorse umane

La richiesta di competenze in ambito finanziario rimane elevata in un contesto in cui la disponibilità di talenti è invece in calo. Più di metà degli intervistati (51%) ritiene che la ricerca di risorse qualificate rappresenterà la sfida più complessa di questo 2024, e ben il 90% intende dedicare più tempo alla ricerca e alla retention di talenti rispetto a quanto fatto nel 2023.

I CFO dell’area EMEA elencano questo bisogno tra le loro principali priorità, un dato che sottolinea ancora una volta il gap esistente tra la domanda e l’offerta di competenze nella regione; a livello globale, il 40% dei CFO è alle prese con la carenza di professionisti qualificati in ambito finanziario e con le difficoltà collegare alla loro retention.

Outsourcing finanziario in crescita

Tra i CFO aumenta l’interesse per l’outsourcing in ambito finanziario, grazie ai vantaggi che questo offre in termini di riduzione dei costi e alla possibilità di accedere a competenze specializzate. L’indagine mostra che le aziende con oltre 1 miliardo di dollari di fatturato esternalizzano in media il 26% delle loro funzioni finanziarie, contro la media del 19% delle organizzazioni con meno di 100 milioni di dollari.

“Emerge un maggior ottimismo da parte di molti CFO rispetto alla crescita per quest’anno, anche se l’inflazione rimane comunque la preoccupazione principale”, ha dichiarato Claudia Lotti Senior Managing Director e membro dell’OCFO EMEA Steering Committee di FTI Consulting.

“La pianificazione strategica, la riduzione dei costi attraverso il miglioramento delle previsioni, gli investimenti in tecnologia finanziaria e soprattutto l’attenzione alle competenze saranno i temi su cui i dirigenti finanziari rivolgeranno la loro attenzione nel 2024. Si tratta di un’agenda molto fitta la cui chiave del successo risiederà nella capacità di raccogliere informazioni utili per guidare il processo decisionale e il cambiamento del management.”

Il report completo è disponibile qui.

FTI CONSULTING

FTI Consulting, Inc. è una società di consulenza aziendale globale che supporta le realtà nella gestione del cambiamento aziendale, nella mitigazione dei rischi e nella risoluzione delle controversie finanziarie, legali, operative, politiche e normative, reputazionali e di natura transazionale.

Gli oltre 8.000 dipendenti di FTI Consulting, presenti in 31 Paesi, lavorano a fianco dei clienti per anticipare, individuare e affrontare le complesse sfide aziendali e sfruttare al meglio le opportunità. I ricavi del 2022 ammontano a 3,03 miliardi di dollari.

Leggi altro su Aree Tematiche – Finanza

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche